• Le Mura Castellane

La Chiesa di Santa Maria del Monte

A cura di Roberta Vico e Tommaso Saccone

L’edificio sorge in località  “S. Maria del Monte”, 2 km circa a sud-est del paese; della chiesa, ricostruita nel ‘500, resta solamente un muro, dopo la trasformazione in casa colonica. Viene citata per la prima volta nel 1199 in una bolla di papa Innocenzio III; essa dipendeva dall’abbazia di Sant’Elena e doveva avere un monastero annesso[1]. Nei pressi della chiesetta sorgeva il castello di Colmontano di cui non restano tracce, se non nei documenti dove è nominato lo colle de Montano[2]; esso rivestiva una certa importanza strategica perché si trovava sul territorio che segnava il confine tra la diocesi di Senigallia e di Jesi. Santa Maria possedeva dei fondi anche presso di esso (CHERUBINI 1982, pag.34).


 

[1] CHERUBINI 1982, pag. 39-40; GRAZZI 1987, pag. 166-167 e BELLINI 2007, pag. 10-11.

[2] Dagli Annali Camaldolesi, IV, app. 29, col. 44(in data 1173). Esso era anche limitrofo alla Chiesa di Santa Mustiola, che illustreremo in seguito.


 

BIBLIOGRAFIA

BELLINI 2007= C. Bellini, Poggio San Marcello e il suo Archivio Parrocchiale, Castelplanio, 2007.

CHERUBINI 1982= A. Cherubini, Le antiche pievi della diocesi di Jesi, Fano, 1982.

GRAZZI 1987=  L. A. Grazzi, Storia di Poggio San Marcelloin quel contesto della Vallesina d’Ancona cui appartiene, Città di Castello, 1987.